Software Review: MyCicero – #cittadinidigitali

In un mondo segnato dalla pandemia da Covid-19, con abitudini che cambiano per le nuove norme di sicurezza, anche fare il biglietto dell’autobus diventa rischioso. Toccare pulsanti alle macchinette, prendere il biglietto cartaceo per inserirlo nelle obliteratrici o ai tornelli, sono diventate abitudini a rischio. Il virus può rimanere sulle superfici metalliche fino a 3-4 giorni. E i pulsanti da toccare per stampare un biglietto sono tutti di metallo. Insomma, prendere la metropolitana è diventato quasi pericoloso. E non solo per il problema dell’affollamento.

Inoltre, fermarsi a fare il biglietto può essere un modo per creare assembramenti. Ma pensa anche a queste azioni al di fuori della pandemia: stai andando di fretta e devi prendere un mezzo pubblico. Non hai tempo di fermarti a comprare il biglietto e il treno/auto/metropolitana sta per passare. Se perdi troppo tempo rischi di perderlo e di fare tardi. Oppure hai già il tuo abbonamento, ma nel portafogli. Quindi ogni volta che devi tirare fuori la tessera devi necessariamente prendere il portafogli e si sa quanto sia pericolosa questa azione in una stazione affollata. In un attimo potresti trovarti senza più portafogli e non sapresti neanche come rintracciare il ladro.

Dulcis in fundo: un biglietto stampato è un pezzetto di carta plastificata con la filigrana. Per quanto possa sembrare inifluente; è comunque un rifiuto da smaltire. Solo a Roma (città e area metropolitana) vivono e transitano ogni giorno quasi 4 milioni di persone. Di questi, almeno la metà prende i mezzi pubblici. Se escludiamo chi ha già la propria tessera, possiamo arrivare a dire che nella capitale, vengono stampati almeno un milione di biglietti al giorno. E Roma è solo una città. Pensate a quanti biglietti vengono stampati ogni giorno in tutto il territorio nazionale. Tonnellate di carta da smaltire, con il problemi climatici che abbiamo. Magari stiamo prendendo i mezzi pubblici per non inquinare con la nostra auto, ma poi inquiniamo con i biglietti (seppur in maniera molto minore).

Per questi motivi, anni fa sono nate app create appositamente per prendere i mezzi pubblici. Oggi vi parlerò di MyCicero.

Altri articoli che possono interessarti:

MyCicero: il tuo migliore compagno di viaggio

mycucero-menu

MyCicero è un’app pensata per portarti dove vuoi, con ogni mezzo pubblico, in qualsiasi città tu ti trovi. È scaricabile sia da Google Play Store, che da Apple Store, compatibile quindi con Android e iOS. Attraverso il sistema di geolocalizzazione, MyCicero è in grado di capire in che città ti trovi e ti presenta di conseguenza tutti i servizi disponibili nella tua area.

Attraverso MyCicero puoi:

  • Pagare onlin il parcheggio sulle strisce blu
  • Acquistare online i titoli di viaggio
  • Prenotare un TAXI
  • Ricevere informazioni su eventi nel quartiere
  • Cercare garage a pagamento nelle vicinanze
  • Pianificare viaggi in autobus, treno, metro e nave
  • Partecipare alle iniziative della tua città in convenzione con le compagnie di trasporto pubblico

Analizziamo ora nel dettaglio le varie funzioni.

Parcheggia

Selezionando la funzione “Parcheggia” si aprirà una mappa in cui saranno visualizzate le aree di sosta e i parcheggi in struttura nelle vicinanze. Per attivare il parcheggio basta premere “Attiva la sosta”. Se invece si vuole parcheggiare la propria auto sulle strisce blu, si seleziona appunto “strisce blu”, che avvia una ricerca di aree di parcheggio con strisce blu nelle vicinanze. Una volta selezionata l’area si effettua il pagamento. Ma se usiamo la macchina molto spesso possiamo aver bisogno di un abbonamento ai parcheggi pubblici. Che si può pagare tranquillamente da app.

Tutte le soste sono gestibili da “Le mie soste”. Al momento della registrazione (da effettuare prima), verrà chiesto di inserire il numero di targa e una nota personale, che servirà all’utente per gestire meglio le soste. Dopo l’inserimento del numero di targa. Per alcuni comuni sarà necessario esporre un talloncino (che verrà inviato via mail) con il codice a barre. Altrimenti, le autorità potranno verificare lo stato del parcheggio semplicemente dal numero di targa.

Viaggia

Selezionando l’opzione “Viaggia”, si aprirà un menu. Sarà possibile andare direttamente alla biglietteria virtuale, se conosciamo già il nostro itinerario e quali biglietti ci servono. Altrimenti potremo cercare gli orari dei mezzi e le fermate intorno a noi. Se siamo in un posto che non conosciamo e non sappiamo quale compagnia fa passare i suoi autobus di là, possiamo scansionare il codice QR presente sulla fermata, che ci consentirà di accedere direttamente alla biglietteria di quella determinata compagnia. Se invece stiamo aspettando un treno e vogliamo verificarne lo stato (ritardi, deviazioni, cancellazioni), basterà selezionare “Stato Treno” e inserire il codice del treno (che di solito è scritto sul biglietto).

Taxi

Selezionando l’opzione “Taxi” verrà visualizzato un elenco dei servizi di Radio Taxi della città in cui ci troviamo. Selezionandone una verrà chiesta conferma dell’invio del taxi presso la propria posizione. Poi basterà solo attendere.

Le opzioni “Eventi” e “Luoghi” cambiano a seconda della città e indicano tutti gli eventi convenzionati nella zona.

MyCicero Roma: + Ricicli + Viaggi

Se vivete a Roma, potete partecipare all’iniziativa “+ Ricicli + Viaggi” di Atac. Nelle stazioni della Metropolitana sono presenti delle speciali macchinette per raccogliere bottiglie di plastica. Per ogni raccolta, se facciamo scansionare il nostro codice a barre dall’apposito lettore, ci verrà riconosciuto un ecobonus di 0,05 € per ogni bottiglia riciclata. Con l’importo dell’ecobonus si potranno acquistare biglietti per Metro e Bus.

Come passare i controlli e i tornelli

Tutti i biglietti acquistati vengono scaricati nel dispositivo e possono essere visualizzati selezionando “I Miei Biglietti”.  Per passare ai tornelli, basta far scansionare il codice QR autogenerato alle apposite obliteratrici. Se si dispone di uno smartphone con tecnologia IFC, basterà appoggiarlo sull’apposito lettore presente al tornello per far aprire le porte. Lo stesso codice si può esibire ai controllori in caso di controlli a sorpresa.

Ti è piaciuto questo articolo sul Progetto TUTA?  Contattami su Facebook o su Twitter e parliamone insieme! E se non vuoi perderti gli aggiornamenti del blog, iscriviti al canale Telegram!  Ah, ti ricordo che io scrivo anche per il blog di Stolas Informatica, occupandomi principalmente, almeno in questo periodo, di sicurezza informatica, ma non solo. Facci un salto!

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.