Oggi inizierò una serie di articoli chiamata Programmiamo il Web, per introdurvi alla programmazione della rete. Non si tratta di un vero e proprio corso online, ma di una serie di articoli introduttivi, che serviranno più che altro a porre le basi per chi vuole iniziare a sviluppare per il web. Inizio dal codice perché prima di addentrarci nel mondo dei CMS con WordPress, è bene sapere le basi su cui poggia la programmazione. Conoscendo un CMS possiamo lo stesso sviluppare siti, ma solo con quel CMS. Se conosciamo anche un linguaggio di programmazione, possiamo sviluppare siti da zero, anche con un semplice editor di testo. Il primo linguaggio di cui ho deciso di parlare è JavaScript. Quindi, benvenuti in Programmiamo il Web con JavaScript!

Potrebbe interessarti anche:

Programmiamo il Web – JavaScript: un po’ di storia

JavaScript, spesso abbreviato in JS, è un linguaggio per la programmazione del web nato nel 1995 nell’ambito del progetto per Netscape Navigator (il primo browser grafico al mondo). Lo scopo di questo nuovo linguaggio era quello di rendere le pagine web più dinamiche. Il codice veniva eseguito direttamente sul browser dell’utente e questo lo rendeva multipiattaforma, in quanto ogni sistema operativo era dotato di browser per la navigazione web. Non servivano compilatori, né interpreti. Bastava includere il codice in una pagina HTML e aprire questa con il proprio browser.

Nella sua concezione iniziale, JavaScript veniva eseguito solo dai browser, quindi non era previsto un lato server. Più che un linguaggio di programmazione, era un linguaggio di scripting usato per integrare l’ HTML. Ma con il tempo, le sue potenzialità sono cresciute e lo hanno spinto sempre più in alto, fino a farlo diventare un linguaggio di programmazione vero e proprio. Oggi, grazie a librerie come Angular, Node.js, Vue, React e tante altre, con JS possiamo programmare vere e proprie applicazioni. Quello che nacque come semplice complemento per pagine web, oggi è diventato uno dei linguaggi di programmazione più usati al mondo. Basti pensare che molti siti web lo hanno integrato a tal punto da usarlo per le proprie applicazioni più famose. Come ad esempio Google, che utilizza JavaScript per GMail, Google Maps e altri dei suoi servizi.

Come aggiungere JavaScript a una pagina HTML

Ora che abbiamo visto un po’ come è nato e come si è evoluto JavaScript, vediamo come inserirlo all’interno di una pagina HTML. Avremo sempre bisogno di una pagina HTML di riferimento, visto che JS viene usato soprattutto per la costruzione di web-app e che l’unico interprete per tali applicazioni è il browser.

Ci sono due metodi per inserire un codice JS all’interno di una pagina HTML. Il primo è quello più semplice: ovvero si inserisce l’intero codice tra i tag <script> e <script>. Anzi, se vogliamo essere più precisi la forma corretta è:

<script type=”text/javascript>
……..codice JavaScript
</script>

Il secondo metodo, che invece è quello più usato, consiste nel creare un file di testo con estensione “.js” dentro cui inserire il codice e poi includerlo nei tag in questo modo:

<script type=”text/javascript” src=”mio-file.js”></script>

Questo metodo è più usato, poiché in questo modo è possibile richiamare le stesse funzioni JS in più pagine, senza dover riscrivere il codice. Risulta anche più veloce per il browser, che deve riconoscere il codice una sola volta e non deve scaricarlo ulteriormente ad ogni richiamo. Le pagine web poi, risultano così più leggere e anche lo stesso codice è più snello.

Nota: la dicitura type=”text/javascript” è facoltativa, se si sta parlando di JS. Se invece in una pagina stiamo uno script in un altro linguaggio, allora è bene specificare. Esistono infatti altri linguaggi di scripting come ad esempio il TypeScript (“.ts”), anche se sono meno usati.

Ti è piaciuto questo articolo introduttivo di Programmiamo il Web con JavaScript?  Resta sintonizzato per seguire gli altri articoli della serie! Contattami su Facebook o su Twitter e parliamone insieme! E se non vuoi perderti gli aggiornamenti del blog, iscriviti al canale Telegram!  Ah, ti ricordo che io scrivo anche per i blog di Stolas Informatica e Satyrnet, occupandomi principalmente, almeno in questo periodo, di sicurezza informatica, ma non solo. Facci un salto!

Facebook Comments