Peiter “Mudge” Zatko sarà il nuovo capo della sicurezza di Twitter

Se vuoi fermare un hacker, devi pensare come un hacker. A questo deve aver pensato Jack Dorsey quando ha assunto Peiter Zatko, nome in codice “Mudge” come capo della sicurezza di Twitter.
Mudge è noto per essere stato, in passato, uno dei più famosi hacker del mondo, che ha messo in crisi alcune importantissime aziende tecnologiche. Quale migliore garanzia per la sicurezza di un’azienda grande come Twitter, di un hacker redento?

Peiter Zatko in pillole

Zatko-Mudge raggiunge la fama negli anni ’90, quando era membro delle crew di hacker note come Cult of the Dead Cow e L0pht Heavy Industries. Gruppi che non si limitavano alla semplice distribuzione di strumenti di violazione informatica, crack e code-generator, ma fondarono una vera e propria community con cui organizzavano convention, distribuivano musica e riviste e pianificavano scherzi online.
Nel 1998, grazie al ruolo sempre maggiore che andava assumento Internet, vi fu la necessità di aumentare la sicurezza online. Alcuni membri del L0pht, tra cui Zatko, vennero chiamati a testimoniare davanti al congresso USA sugli scarsi standard di sicurezza online dell’epoca.

Nel 2000 venne chiamato dall’allora Presidente Bill Clinton a far parte una task-force per la sicurezza online, dopo che  Cnn, eBay, Amazon e Yahoo vennero colpite da pesanti attacchi informatici.

Un giovane Peiter Zatko testimonia al Congresso USA

La scelta di Dorsey

A luglio di quest’anno, ricorderete tutti, Twitter è stato colpito da un attacco hacker. L’attacco in questione ha colpito i profili di personaggi pubblici di rilievo, come Barack Obama e Elon Musk.
Da qui la necessità di assumere un hacker professionista come capo della sicurezza. Dorsey ha così “strappato” Zatko alla startup di pagamenti online Stripe.
L’ex hacker è quindi ora capo della sicurezza informatica di uno dei Social Network più famosi e importanti del mondo.

 

Buon lavoro Mudge!

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.