Aggiornamento Facebook: puoi creare il tuo algoritmo

Navigare su un Social deve essere un’esperienza divertente, coinvolgente e, soprattutto, non deve essere stressante. Lo hanno capito a Menlo Park, dove gli sviluppatori di Facebook lavorano ogni giorno per regalarci qualcosa che sia sempre più a dimensione umana, e magari meno a dimensione “algoritmo”. Ci colleghiamo a Facebook per passare il tempo libero, per non pensare per un attimo ai nostri problemi, o magari per non sentire TV e Radio che ci parlano solo di pandemia e politica. Se poi il nostro tempo libero diventa solo leggere notizie sulla pandemia, leggere polemiche sulla politica e assistere (e a volte partecipare) a flame di vario tipo, ecco che l’app di Facebook, così come è stata installata sul nostro dispositivo, magicamente sparisce.

Per questo l’azienda di Mark Zuckerberg ha pensato di dare una regolatina alle News Feed e alle interazioni con essa. A nessuno va di vedere i propri post commentati da sconosciuti polemici e fastidiosi, o di vedere le proprie foto commentate da beceri trogloditi in cerca di attenzioni. Siamo esseri umani e, in quanto tali, ognuno di noi ha una propria sensibilità sui diversi argomenti. E non tutti siamo disposti a mettere alla prova i nostri nervi, in nome di quella “libertà di pensiero” che spinge gli altri a provocarci o a dire determinate cose che ci mandano in bestia. Ecco quindi come Facebook ha pensato di risolvere il problema.

Le nuove misure di Facebook per la Sezione Notizie

Con l’ultimo aggiornamento, Facebook introduce un nuovo sistema che ci consente di avere più controllo su ciò che condividiamo nella News Feed, decidendo noi stessi chi può commentare i nostri post pubblici. Ora possiamo scegliere accuratamente i nostri interlocutori, selezionandoli da un menu che va da chiunque veda il post, a solo chi vi è taggato.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

L’obiettivo della News Feed è connetterci con le cose che contano per noi: le persone a noi care, i contenuti più interessanti e il mondo intorno a noi. Le persone che aggiungiamo, le pagine che seguiamo, i gruppi a cui ci uniamo e tutte le cose con cui interagiamo danno forma alla nostra News Feed ogni giorno.

Aggiustando la nostra commenting audience, possiamo controllare chi effettivamente vogliamo invitare alle nostre conversazioni sui nostri post pubblici e limitare potenziali interazioni indesiderate. E questo vale sia per gli utenti tradizionali, sia per i personaggi pubblici, creator e brand. Chiunque può scegliere come gestire il proprio pubblico. Così ci sentiremo tutti più sicuri, sapendo che chi commenta sono solo persone fidate.

Con questo nuovo tool, Facebook tiene a far capire a tutti quanto l’azienda tenga a cuore il benessere dei propri utenti. Avere una News Feed più curata e un pubblico selezionato sarà d’aiuto per molte persone che fino ad oggi, si sono viste commentare da molestatori, violenti o semplicemente gente sgradevole.

Scegli cosa vedere

Sarà anche più facile fare ordine e navigare tra le News Feed, con un controllo maggiore su cosa vogliamo vedere. Il nuovo tool Favorites, ci permette di controllare e dare priorità a post di amici e pagine che ci piacciono di più. Possiamo selezionare fino a 30 amici e pagine da includere nei preferiti, in modo da far apparire i loro post in alto nella News Feed.

Ci sarà una vera e propria Feed Filter Bar, che ci consentirà di switchare tra le News Feed scelte dall’algoritmo di Facebook e quelle scelte da noi. Con la possibilità di ordinare il tutto cronologicamente, dal post più recente al primo, o in ordine di rilevanza. La funzione sarà disponibile sia per Android che per iOS nel giro di poche settimane. La vera novità è che potrete vedere sempre le notizie dalle pagine e persone che volete, indipendentemente da quanto effettivamente interagiate con loro. A tutto ciò, si aggiunge la possibilità di nascondere definitivamente le notizie sulla politica.

Post Suggeriti

Per aiutarvi a scoprire contenuti nuovi e rilevanti,  ci verranno suggeriti alcuni nuovi post nella nostra News Feed. Saranno etratti da pagine e gruppi che ancora non seguiamo ma che, in base a ciò che già seguiamo e a quello a cui abbiamo già messo “mi piace”, potrebbe interessarci. Ovviamente non saremo obbligati a seguire i suggerimenti.

Per farci capire anche perché stiamo vedendo certi suggerimenti, c’è anche la funzione “Perché sto vedendo questo?”, che ci spiegherà in base a cosa Facebook ha deciso di mandarci il suggerimento. Ovviamente siamo liberi di non seguire la pagina, il gruppo o la persona in questione e, volendo, di nascondere proprio i suggerimenti per il futuro.

I post vengono suggeriti in base a una serie di fattori come:

  • Coinvolgimento: Un suggerimento può arrivare da parte di Facebook se magari l’altra persona ha interagito di recente sotto post, o all’interno di gruppi e pagine, a cui abbiamo interagito anche noi.
  • Argomenti correlati: Se abbiamo recentemente partecipato a una determinata discussione su un argomento in particolare, ci potrebbero arrivare suggerimenti su persone, pagine o gruppi che trattano lo stesso argomento
  • Location: Altri suggerimenti potrebbero arrivare in base alla nostra geolocalizzazione, come ad esempio eventi in corso, o in base a quella che abbiamo dichiarato come città di residenza. Magari ci vengono suggerite persone da aggiungere alla nostra cerchia che hanno i nostri stessi gusti e vivono nella nostra città o regione.

Come aggiornare

Per aggiornare le preferenze, basta andare alla sezione Preferenze sulla Sezione Notizie e alle Impostazioni sulla Privacy all’interno della nostra app per smartphone e tablet. Tutto questo è stato pensato per aiutarci a stare meglio, evitando i molestatori e i post per noi fastidiosi. Soprattutto in periodi brutti come questo, in cui internet e i Social rappresentano forse l’unica via di uscita da una realtà ancora troppo spaventosa.

Ti è piaciuto questo articolo sugli aggiornamenti di Facebook?  Contattami su Facebook o su Twitter e parliamone insieme! E se non vuoi perderti gli aggiornamenti del blog, iscriviti al canale Telegram!  Ah, ti ricordo che io scrivo anche per i blog di Stolas Informatica e Satyrnet, occupandomi principalmente, almeno in questo periodo, di sicurezza informatica, ma non solo. Facci un salto!

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.